blog la sassellese

Estate di San Martino da Sassello al Monte Avzè, tra i Faggeti e le ultime castagne della stagione

picnic san martino liguria

L’11 novembre si festeggia l’estate di San Martino, una festa agreste con una lunga tradizione. Martino da Tours, Santo vissuto nel IV sec. D.C, nel vedere un mendicante seminudo patire il freddo durante un acquazzone, gli donò metà del suo mantello. Poco dopo incontrò un altro mendicante e donò l’altra metà dell’indumento; dopo questi gesti di grande solidarietà, si narra che la pioggia cessò e che la temperatura divenne più mite.

Ancora oggi si festeggia San Martino e, per la tradizione, la settimana che ospita il suo giorno, rappresenta una sorta di estate fuori stagione, proprio tra la fine dei primi freddi e le prime gelate invernali.

Amanti della sana e genuina tradizione, noi della Sassellese, vi proponiamo di cogliere questa preziosa occasione per passare una giornata all’aria aperta e di venirci a trovare al Sassello per intraprendere una splendida gita, semplice, non particolarmente lunga ma di grande soddisfazione.

Il trekking inizia dal centro di Sassello e arriva fino al Monte Avzè, passando per il colle Bergnon e si svolge su un dislivello di 641m. Il Monte Avzè (1022 m.) non è una vetta vera e propria ma uno spallone di roccia emergente dal versante nord-ovest del Monte Beigua. Nel percorso si incontreranno splendidi faggeti e sarà possibile fare soste in aree attrezzate degustando i nostri prodotti, che vi daranno l’energia giusta per portare a termine la gita.

Vediamo in sintesi l’itinerario
Si parte da Sassello, Piazza della Concezione seguendo il segnavia con due triangoli gialli pieni, si prende via Umberto I e poi si scende lungo via Pozzetto. Superate le case della borgata Colletto si procede su una sterrata e si imbocca un sentiero che entra nel bosco lambendo un corso d’acqua. Seguendo il sentiero, grazie ai segnavia presenti, si arriva fino al crocevia del Colle Luvetto (712m.) e si continua a destra fino ad arrivare al Colle Bergnon (832m.) riconoscibile per via degli splendidi ed enormi faggi.

Qui si abbandona l’indicazione del segnavia con i due triangoli pieni (che condurrebbe al Monte Beigua) e si inizia a seguire un segnavia con tre pallini gialli che porterà a destinazione. Con qualche tornante di montagna si prende quota fino ad arrivare ad un’area pic-nic dove potrete fare una pausa, magari con i nuovi amaretti morbidi la sassellese ricoperti al cacao.

Da qui girate a sinistra e procedendo su un costone di roccia erboso raggiungerete in breve la sommità del Monte Avzè, dal quale potrete godere di tutta la pace della natura incontaminata.

Avete seguito il nostro consiglio? Che aspettate a raccontarci la vostra esperienza? Scriveteci su Facebook o commentate questo post.

Torna su

Cliccando su "Accetto" e continuando la navigazione sul sito accetti di utilizzare i cookies. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi