Senza glutine: amaretti morbidi perfetti per una dieta gluten free

amaretti morbidi celiachia senza glutine gluten free la sassellese

Se siete celiaci o intolleranti al glutine potrete comunque gustare gli amaretti morbidi la Sassellese, da sempre gluten free

La completa esclusione del glutine dalla dieta non è facile da realizzare: i cereali non permessi ai celiaci si ritrovano in numeorsi prodotti alimentari e il rischio di contaminazione accidentale da glutine è spesso presente nei processi di lavorazione dell’industria alimentare.
Gli amaretti morbidi La Sassellese non contengono farina di frumento, in conformità al Decreto Ministeriale del 22 luglio 2005, che tutela alcune tra le più note specialità della tradizione dolciaria italiana e definisce con precisione il disciplinare per la produzione dell’amaretto morbido. La totale assenza di farina di frumento ne permette il consumo anche a chi è affetto da celiachia, offrendo a tutti la possibilità di apprezzare questo prodotto tipico alla mandorla, da sempre gluten free.
L’originale e gustosa ricetta è preparata solo con ingredienti provenienti da materie prime naturalmente prive di glutine. Attualmente la Sassellese mette a disposizione questi prodotti gluten free:

  • Amaretti morbidi
  • Amaretti morbidi ricoperti al cioccolato
  • Amarettini morbidi

Cos’è la celiachia

La celiachia interessa circa l’uno per cento della popolazione ed è tre volte più frequente nella donna. Si può presentare a qualunque età e dopo molti anni di tolleranza al glutine. È utile riconoscere la differenza tra intolleranza, allergia e sensibilità.
La celiachia è un‘intolleranza permanente del sistema immunitario al glutine. Nelle persone predisposte la sua assunzione provoca infiammazioni croniche ai villi intestinali. Solo un’accurata alimentazione priva di glutine può farne scomparire i sintomi.
Se invece i sintomi si presentano a seguito del contatto della pelle con gli alimenti presi in considerazione, allora si tratta di allergia al grano. Si parla invece di sensibilità al glutine quando chi è colpito da questo disturbo accusa mal di testa, stanchezza, nausea, dolori muscolari e ossei, disturbi digestivi, senza però sviluppare celiachia vera e propria o allergia al frumento. Anche in questo caso, i sintomi diminuiscono o si annullano solo dopo un periodo adeguato di dieta senza glutine.

Cos’è il glutine

Il glutine è una proteina contenuta nei cereali come frumento, avena, orzo, farro, segale e kamut. In campo alimentare è utilizzato per lavorare la farina e dà agli impasti in cui viene utilizzato elasticità e coesione. Tra gli alimenti che lo contengono i più diffusi sono il pane, i biscotti, la pizza e la pasta. Date le sue proprietà addensanti, il glutine è altresì presente in moltissimi prodotti. È possibile comunque avere una alimentazione ricca, sana ed equilibrata anche senza glutine, organizzando e gestendo al meglio la propria dieta.

Gli alimenti senza glutine in natura

Tra i principali troviamo mais, miglio, riso, quinoa, grano saraceno, tapioca, manioca, patate e castagne. Niente glutine nella verdura e nella frutta fresca, in tutti i tipi di carne, pesce e uova, formaggi freschi e stagionati, latte, panna e yogurt naturale, burro, sale, pepe, spezie, zucchero, miele, marmellata. Vanno bene bevande gassate, succhi di frutta, quasi tutte le bevande alcoliche (non consentita la birra classica, ad esempio), tè, caffè normale e decaffeinato (non consentito quello solubile).